Mini-scosse al cervello per vincere la dipendenza da cocaina


(ADNKRONOS – MEDICINA) Mini-scosse al cervello per liberarsi della dipendenza da cocaina. L’utilizzo di impulsi magnetici mirati si è infatti dimostrato efficace nel trattamento di pazienti ‘schiavi’ della sostanza. E’ quanto emerge da uno studio pilota, pubblicato su ‘European Neuropsychopharmacology’: i risultati suggeriscono che questo potrebbe essere il primo trattamento medico per la dipendenza da cocaina. Anche se, sottolineano i ricercatori italiani e americani autori dello studio, sono necessari lavori più ampi e approfonditi per confermare questi risultati preliminari.

Solo lo scorso anno 2,3 milioni di giovani europei tra i 15 e i 34 anni hanno assunto cocaina. E non esistono farmaci efficaci per il trattamento di questa dipendenza. Ora un team di ricercatori che lavorano in Italia e negli Stati Uniti ha mostrato – in uno studio clinico randomizzato – che l’uso di questa sostanza può essere ridotto grazie a un regolare trattamento con rTms (Stimolazione magnetica transcranica ripetitiva). “Alcuni studi – spiega Luigi Gallimberti, ricercatore presso l’Irccs San Camillo di Venezia, fra gli autori del lavoro – mostrano che circa il 2% dei giovani adulti in Europa ha usato cocaina nell’ultimo anno. Si stima anche che più di 20 milioni di persone nel mondo soffrano a causa dell’uso di cocaina. I trattamenti sono limitati, e non vi sono approcci neurobiologici disponibili”.

Il lavoro, svolto in collaborazione con il team americano di Antonello Bonci, direttore scientifico del Nida (National Institute on Drug Abuse), è stato realizzato presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Padova, in collaborazione con l’Irccs San Camillo di Venezia, e ha coinvolto pazienti in cerca di un trattamento per la dipendenza da cocaina. Ebbene, 16 persone sono state trattate con rTms, mentre altre 16 hanno ricevuto dei farmaci mirati ad alleviare i sintomi dell’astinenza. La Tms consiste nell’applicare impulsi magnetici a un’area del cervello ben localizzata. Si tratta di una metodica ampiamente utilizzata in psichiatria, dimostratasi utile nel trattamento di condizioni psichiatriche quali ad esempio la depressione.

Abstract trattto dal sito ADNKRONOS – MEDICINA, per la lettura dell’articolo completo si rimanda al sito fonte